Si svolgerà nella frazione Bazia a Naso, il 18 agosto 2016, dalle 15 alle 20, un intero pomeriggio dedicato alla salute ed estremamente articolato. La giornata sarà rivolta a tutte le fasce d’età (bambini, ragazzi ed adulti) ed è stata organizzata e fortemente voluta dalla studentessa nasitana Rosamaria Ferrarotto, ventenne frequentante la facoltà di Medicina e Chirurgia nella città di Genova, coadiuvata dalla Consulta Giovanile di Naso e dall’ Amministrazione comunale della Città di Naso.

Il fulcro della manifestazione è rappresentato da un progetto che prende il nome di “Un pupazzo in corsia”, il quale si prefigge come obiettivo il far passare ai bambini la paura del medico e del camice bianco. Previsto l’allestimento di un ospedale da campo a misura di bambino, il cui personale sarà costituito da studenti di medicina e professioni sanitarie, preventivamente formati attraverso un corso ad hoc da parte della psicologa Giovanna Leopardi. Il tutto prende ispirazione da un progetto già ideato e portato avanti a livello nazionale dal SISM (Segretariato Italiano Studenti di Medicina) nelle varie città universitarie.

A questo, si affiancheranno stand di sensibilizzazione sui principali temi sanitari.

  • Donazione del sangue, donazione del midollo e degli organi grazie alla collaborazione con associazioni come ASL, AVIS, ADMO e Corrado Lazzara Onlus;
  • Prevenzione del tumore al seno, ad opera dall’associazione Bucaneve Onlus;
  • Campagna contro il fumo;
  • Raccolta dei tappi di bottiglia che verranno utilizzati per finanziare il trasporto dei malati tumorali all’ospedale di Taormina, dove riceveranno le cure adeguate;
  • Incontro con la dietista Maria Teresa Causerano, che fornirà preziose informazioni circa l’alimentazione;
  • Basi di Primo Soccorso, ad opera di istruttori certificati a livello nazionale;
    Incontro con la psicologa e psicomotricista Giovanna Leopardi che, affiancata da Ana Carolina Capolingua, attraverso l’associazione Tandem, organizza laboratori espressivi per bambini;
  • Un nuovo ed avveniristico progetto volto ai più piccoli e denominato “Super Baby Soccorritore” ideato dall’associazione “Pedagogia è Benessere”, della pedagogista Sonia Caldarella (affiancata da altri specialisti) e volto al formare i più piccoli a come reagire alle situazioni di pericolo in famiglia (es. malessere di un genitore);
  • Stand di prevenzione ad opera della Croce Rossa Italiana.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

20 − tre =