Potrebbe verificarsi da un giorno all’altro la schiusa delle uova della tartaruga caretta-caretta che il 16 luglio scorso sono state depositate sulla spiaggia di Ponte Naso. Li dove è stata realizzata un’area di protezione, nell’imminenza della schiusa, i volontari delle associazioni “Sak BE” di Brolo, “Qua Jetri” di Capo d’Orlando, Wwf, Legambiente e cittadini di Ponte Naso, ieri sono stati impegnati a realizzare il corridoio ed una rete, per proteggere il passaggio verso il mare delle piccole tartarughe.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

1 × 5 =