Non ci sarà nessuna schiusa delle uova di Caretta Caretta sulla spiaggia di Ponte Naso. Nella mattinata di oggi alcuni esperti del WWF hanno ispezionato il sito, oggetto dell’ovodeposizione lo scorso 16 luglio, confermando i timori di chi vedeva trascorrere le settimane in attesa che si verificasse lo spettacolare evento.

Purtroppo, dopo un’attesa di quasi 90 giorni, tutte le 73 uova sono infatti state ritrovate vuote, nonostante in questi mesi numerosi volontari o semplici appassionati si siano prodigati per garantire la massima salvaguarda al sito, inclusa persino la vigilanza notturna.

L’incubazione delle uova, con la conseguente schiusa simultanea delle stesse, è purtroppo soggetta a numerosi fattori di rischio che, come in questo caso ne possono pregiudicare il corretto decorso: la temperatura e l’umidità del suolo, la granulometria della sabbia sono fattori determinanti per la riuscita della schiusa. I suoli molto umidi determinano spesso la perdita delle uova poiché molte malattie batteriche e fungine possono attaccare le uova; inoltre alcuni coleotteri possono raggiungere il nido e parassitarle.

Il WWF ha già annunciato che nei prossimi giorni proprio su quel sito sarà liberata in mare una tartaruga che nei mesi scorsi era stata recuperata ferita e curata.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

1 × cinque =