Centro Commerciale Naturale

L’idea di individuare mete specifiche per il turista che arriva a Naso ha indotto l’ Amministrazione Comunale di Naso, nella persona del segretario generale del Comune di Naso, Dott.ssa Carmen Caliò (ideatrice e responsabile dell’iniziativa), a rimodulare l’offerta turistica per soddisfare le esigenze di tutte le tipologie di visitatori. Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattare l’Ufficio Turistico del Comune di Naso attraverso sito istituzionale dell’ente all’indirizzo www.comune.naso.me.it.

ITINERARIO GAGINIANO

La BOTTEGA dei GAGINI, dalla Chiesa di Santa Maria del Gesù al Museo di Arte e Cultura Sacra.

L’itinerario gaginiano ha inizio dalla Chiesa di S. Maria del Gesù, edificata insieme al Chiostro dei Frati Minori Osservanti, oltre che per la sua collocazione geografica, in quanto ubicata all’ingresso del centro abitato, soprattutto perché le opere in essa contenute raccontano al visitatore l’evoluzione della storia economica…

LA VIA DEI PELLEGRINI

Dall’insediamento Bazia fino al Parco Suburbano ed al Chiostro dei Frati Minori Osservanti.

Un insediamento poco lontano dal centro di Naso è Bazia, tipico esempio di quartiere ebraico, i cui primi stanziamenti sono risalenti nel tempo sebbene ancor oggi mantengano cognomi e tradizioni appartenenti alla cultura ebraica; fino a qualche decennio fa, se Bazia costituiva il cuore commerciale di Naso…

L’ARTE MAIOLICARA NASITANA

Un viaggio d’istruzione esperienziale attraverso il patrimonio storico-artistico-culturale di Naso.

Il viaggio inizia lungo i sentieri della Valle della Grotta del Diavolo dove, mediante un semplice percorso trekking, si rilevano le stratificazioni del terreno che in vari spessori si alternano in argilla, materiale scarsamente addensato, ma compressibile, diffusamente estratto in passato ed utilizzato per la fabbricazione…

LE 4 STRADE – ITINERARIO NATURALISTICO

Un invito a ripercorrere mulattiere, sterrate e carrabili, alla periferia della Città di Naso.

Il percorso trekking “Le 4 strade” è un invito a ripercorrere mulattiere, sterrate e carrabili per cogliere la vita degli uomini curvi sui campi, le colture, gli opifici, gli affari degli antichi feudatari che “coltivavano” le loro ricchezze alla periferia della Città di Naso e che fino al secolo scorso rappresentavano un’importante fonte…

X